Valutazione del dolore nel paziente che si sottopone a TC encefalo

Also available in english

RIASSUNTO

iI tema del dolore ricopre un ruolo fondamentale nel panorama scientifico e sociale attuale.
Il “nuovo” Ospedale deve essere sì un luogo a misura d’uomo, centrato sulla persona e sulle sue esigenze, luogo della guarigione, della cura, ma anche un ambiente in cui farsi carico del disagio e del dolore cui i pazienti vengono sottoposti durante la loro permanenza. Molti studi sono stati compiuti in ambito infermieristico e psicologico, ma nulla che possa essere strettamente legato all’ambito radiologico. È con queste premesse che nasce l’esigenza di valutare/misurare il dolore nei pazienti che vengono sottoposti a indagine diagnostica e più nello specifico durante l’esecuzione dell’esame radiodiagnostico TC encefalo basale, una metodica diagnostica radiologica di prima istanza, soprattutto in ambito neurologico e, per numero di richieste, il miglior target procedurale di analisi. L’articolo descrive i dati raccolti in un campione di pazienti, provenienti dal solo Pronto Soccorso (A.O. Ordine Mauriziano e l’A.O.U. Città della Salute e della Scienza di Torino), che in seguito a richiesta del medico di PS sono stati sottoposti a TC encefalo basale durante il periodo di osservazione, con età superiore a 40 anni.

Parole chiave: dolore procedurale, esame radiodiagnostico, scale valutazione dolore