Norme editoriali
Instructions for authors

Also available in english

Pain Nursing Magazine – Italian Online Journal pubblica articoli scientifici relativi all’infermieristica del dolore: articoli originali, casi clinici, rassegne, editoriali, comunicazioni brevi, commenti di attualità, segnalazioni di progetti organizzativi dei servizi socio-sanitari, lettere.
Gli articoli devono essere inediti e non inviati ad altre case editrici per la pubblicazione. Gli articoli possono essere sia in italiano che in inglese.
Gli articoli proposti per la pubblicazione devono essere inviati in formato elettronico via e-mail alla redazione: info@fondazioneprocacci.org
Ricordiamo di inviare le immagini in formato jpg o tiff in file separati dal file di testo.


Responsabilità e Conflitto di interessi

La responsabilità del contenuto scientifico è esclusivamente degli autori. Con l’invio di un lavoro per la pubblicazione su Pain Nursing Magazine gli autori cedono all’editore la proprietà letteraria e ne è vietata la riproduzione, anche parziale in qualsiasi forma e con qualunque mezzo, da parte di terzi. All’invio del lavoro gli autori devono allegare una lettera che assicuri che lo scritto è inedito, che confermi la cessione alla Casa Editrice della proprietà letteraria dell’articolo, che dichiari l’assenza di conflitti di interesse. Va inoltre indicato l’eventuale finanziamento ricevuto per la realizzazione dell’articolo da industrie farmaceutiche, biomediche, imprese o enti pubblici o privati e la sezione della Rivista cui vorrebbero destinare il lavoro. Quando gli Autori parlano a nome delle istituzioni di appartenenza, dovrà essere fornita anche l’autorizzazione dei rispettivi Responsabili.

 


Pubblicazione


La pubblicazione è gratuita, previa accettazione del comitato scientifico ed editoriale. Non verranno inviate bozze agli autori.

Gli Articoli originali, contenuti entro 20.000 caratteri spazi inclusi, compresa bibliografia ed abstract (utilizzare la funzione “conteggio battute” spazicompresi), debbono essere così strutturati:1. titolo in italiano e in inglese; 2. indicazione degli autori: nome (per esteso), cognome, affiliazione, recapito e-mail dell’autore corrispondente; 3. abstract: in italiano e inglese per un massimo di 200 parole; 4. parole chiave: da 2 a 6 in italiano e inglese, in ordine alfabetico; 5. introduzione; 6. materiali e metodi; 7. risultati; 8. discussione; 9. conclusioni; 10. eventuali ringraziamenti; 11. bibliografia (massimo 30 voci).

I Casi clinici dovranno essere descritti e commentati in un massimo di 10.000 caratteri, spazi inclusi e inclusi bibliografia e riassunti. Lo schema-tipo è il seguente: 1. titolo in italiano e in inglese; 2. indicazione degli autori: nome (per esteso), cognome, affiliazione, recapito e-mail dell’autore corrispondente;3. riassunto in italiano e inglese (massimo 100 parole ciascuno); 4. parole chiave: da 2 a 6 in ordine alfabetico; 5. breve introduzione che delimita l’area di interesse del caso; 6. descrizione del caso con: a. storia clinica; b. segni e sintomi; c. esami di laboratorio e strumentali; d. risultati; 7. commento che evidenzia gli aspetti interessanti del caso; 8. eventuali ringraziamenti; 9. bibliografia (massimo 15 voci). Negli articoli originali e in quelli di casistica è consigliato l’inserimento di almeno una tabella o di un grafico/ immagine. Nel testo va indicata tra parentesi tonde la posizione d’inserimento.

Le Comunicazioni brevi sono uno strumento per la rapida segnalazione di studi originali; al massimo 3000/4000 caratteri, spazi inclusi, compreso brevissimo abstract, sia in inglese che in italiano. Sono consentite 1 tabella, 1 figura e una bibliografia essenziale.

Gli Editoriali forniscono spunti di riflessione sullo stato attuale di un problema. Non devono superare i 10.000 caratteri, spazi inclusi e inclusi la bibliografia (massimo 20 voci) e i riassunti (100 parole ciascuno) in italiano e in inglese.

Le Rassegne presentano un quadro ampio ed aggiornato della letteratura, contenuto in un massimo di 20.000 caratteri, spazi inclusi e inclusi bibliografia (40 voci circa) e riassunti in italiano e in inglese (100 parole ciascuno). È suggerito l’inserimento di figure e tabelle. Le Lettere (massimo 2000 caratteri spazi inclusi) dovrebbero contenere preferibilmente interventi su argomenti trattati nella rivista.

Per la sezione Attualità potranno essere inviate note al massimo di 6.000 caratteri, spazi inclusi.

Sono inoltre previste sezioni di Approfondimento e su Progetti di ricerca e Formazione, i cui argomenti vanno preventivamente proposti e concordati con la Direzione Scientifica. Nella sezione Documenti il Comitato Scientifico intende proporre Linee Guida, Raccomandazioni, Dichiarazioni di organismi internazionali rilevanti per il problema dolore. La sezione Contributi è aperta alle idee e proposte di tutte le associazioni infermieristiche interessate.


Suggerimenti per la preparazione del manoscritto

Indicare nella prima pagina il titolo, il nome (per esteso), il cognome degli autori e l’Istituto di appartenenza; l’indirizzo privato dell’autore che presenta il lavoro (con il numero telefonico e l’indirizzo di posta elettronica). Nella seconda pagina dovranno essere riportati riassunto e parole chiave in italiano e in inglese. I simboli delle unità di misura saranno quelli adottati per convenzione internazionale (Sistema Internazionale: SI).Le abbreviazioni e gli acronimi debbono essere posti, tra parentesi, dopo la prima citazione per intero. I preparati farmaceutici vanno indicati col nome chimico e, dopo (tra parentesi), con quello commerciale.

Tabelle e figure

Andranno citate in extenso nel testo e con numeri arabi (ad es.: tabella 1, figura 1). Ogni figura deve avere la didascalia; ogni tabella deve avere un titolo. Grafici e tabelle riprodotti da altre fonti devono riportare l’indicazione della fonte e il permesso scritto di riproduzione da parte del possessore dei diritti deve essere inviato insieme al manoscritto. L’autore del manoscritto è responsabile per l’ottenimento dei permessi di riproduzione di materiale i cui diritti sono posseduti da terzi. Le immagini e tabelle vanno presentate con veste grafica accurata, tale da permettere la riproduzione senza modificazioni. Vanno inviate in file separati, le immagini vanno salvate nel formato JPEG o TIFF. Se le immagini ritraggono pazienti o persone, gli autori devono presentare un’autorizzazione firmata dagli stessi che ne autorizzi la pubblicazione, oppure le immagini devono essere modificate per evitare il riconoscimento delle persone ritratte.

Ringraziamenti

Si invitano gli autori a inserire prima della bibliografia i ringraziamenti.

Bibliografia

La lista delle voci bibliografiche va numerata nell’ordine con cui le singole voci vengono citate nel testo. I richiami, nell’articolo, vanno indicati con numerazione araba (tra parentesi tonde, collocate prima della eventuale punteggiatura che segue). Non usare corsivo e grassetto nella lista bibliografica.

Esempi di compilazione bibliografica cui attenersi:

Riviste: – Mustola S, Baer T, Metsa-Ketela T, Laippala P.A District General Hospital pain management programme: first year experiences and outcomes. Anaesthesia 1995; 50: 114-117.

Libri: Astrand PO, Rodahe K. Textbook of work physiology. New York: Mc-Graw-Hill, 1986: 320. Quando gli autori sono più di sei, al posto dei successivi mettere et al.

Capitolo di un libro: Villanueva L, Fields H. Endogenous central mechanisms of pain modulation. In:  Villanueva L,  Dickenson AH, Ollat H, ed. The pain system in normal and pathological states: a primer for clinicians. Seattle: IASP Press, 2004: 223–243.

Articolo scaricato da internet Cruz AA, Coelho RP, Lucchesi MC Upper eyelid shape and position in the association of Graves’ disease and myasthenia gravis. Digital J Ophtalmol (Internet) 2000 (modificato 10 maggio 2001; consultato 20 giugno 2004); 6(1), Disponibile all’indirizzo: http://www.djo.harvard.edu/meei/OA/Cruz/OA.html (Indicare il DOI se disponibile)

Libro scaricato da internet Donaldson MS. Measuring the quality of health care. Washington: National Academy Press, 1999. (consultato il 4 aprile 2004). Disponibile all’indirizzo: http://legacy.netlibrary.com/.

Prima di inviare l’articolo si consiglia di controllare per accertarsi che i suggerimenti di cui sopra siano stati effettivamente rispettati.

Processo di revisione


Tutti gli articoli sottoposti verranno inoltrati al Comitato editoriale per la prima valutazione e successivamente affidati ad un revisore che valuterà nel dettaglio l’aderenza alle norme editoriali, la qualità metodologica dell’articolo e le eventuali proposte di modifiche da inoltrare agli autori. Nella sua valutazione, il revisore può: valutare l’articolo idoneo alla pubblicazione, accettare l’articolo con richiesta di modifiche ed infine rifiutare l’articolo. In qualsiasi caso il tempo complessivo per ottenere una risposta non supererà i tre mesi.  

Also available in : English