La relazione medico-paziente nella terapia del dolore con oppioidi

Also available in english

M.S. Matthias MS, Krebs EE, Bergman AA, Coffing JM, Bair MJ.
Communicating about opioids for chronic pain: A qualitative study of patient attributions and the influence of the patient–physician relationship.
Eur J Pain 2014;18:835-843.

Il dolore cronico pone numerose sfide ai pazienti e ai sanitari, soprattutto quando si deve parlare di trattamento con oppioidi. Questo studio è stato condotto registrando le visite di quaranta pazienti con dolore cronico avvenute presso il medico di famiglia e tramite successive interviste approfondite con gli stessi pazienti, proprio per analizzare la relazione paziente/medico e la sua influenza sulla comunicazione clinica. L’analisi qualitativa ha rivelato che in merito agli oppioidi i pazienti hanno risposto in modo nettamente diverso alle stesse decisioni di terapia comunicate dal medico. Alcuni pazienti hanno attribuito la limitazione o il non uso degli oppioidi alla diffidenza del medico o a carenza di cura. Altri hanno interpretato queste limitazioni come espressioni di genuina preoccupazione per la loro salute. Queste impressioni sembravano essere influenzate dalle caratteristiche del rapporto medico-paziente, come descritto dai pazienti nelle interviste.
Capire quindi come i pazienti e medici discutono sul trattamento con oppioidi è fondamentale per un trattamento ottimale del dolore. I medici potrebbero essere in grado di migliorare la comunicazione concentrando la discussione su fattori oggettivi, quali rischi e benefici e impegnarsi in una comunicazione che favorisca una forte alleanza terapeutica ed enfatizzi la preoccupazione per la salute del paziente.